Articoli

Julio Monteiro Martins



Julio Monteiro Martins
Di origine brasiliana, è in Italia dalla metà degli anni ’90, Julio Monteiro Martins si può definire uno scrittore migrante perché già in Brasile aveva pubblicato parecchi testi:
"Torpalium", "Sabe quem dançou?" (Sai chi hanno beccato stavolta?),
"Artérias e becos" (Arterie e vicoli ciechi),
"Bárbara", A oeste de nada" (A ovest di niente),
"As forças desarmadas" (Le forze disarmate),
"O livro das Diretas" (Il libro della democrazia ritrovata),
"Muamba" e
"O espaço imaginário" (Lo spazio immaginario).

In  Italia ha pubblicato:
  "Il percorso dell’idea" (1998),
"Racconti italiani" (2000),
"La passione del vuoto" (2003 ),
"madrelingua" (2005) e
"L'amore scritto" (2007).
Con Antonio Tabucchi, Bernardo Bertolucci, Dario Fo, Erri de Luca e Gianni Vattimo ha pubblicato inoltre il volume "Non siamo in vendita – voci contro il regime" (2001).
 È stato anche autore di opere teatrali ("L’isteria del marmo", "Per motivi di forza maggiore", "Aula magna", "Hitler e Chaplin") e i suoi scritti hanno ispirato opere cinematografiche, come "Garganta" (Gola) del regista Dodô Brandão e "Referência" (Referenza), del regista Ricardo Bravo.

Per approfondimenti

www.sagarana.net

www.el-ghibli.org (su Julio Monteiro è stato pubblicato un supplemento al n.7 di questa rivista)
lnx.latenda.eu/joomla – alla voce bibliografia ci sono recensioni ad alcune delle sue opere.

Rosanna Morace, “Un mare così ampio. I racconti-in-romanzo di Jiulio Monteiro Martins,” – saggio sugli scritti di Julio Martins Monteiro

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information