Articoli

accettazione del progetto Fondazione Intesasanpaolo




Spett.le
Centro Culturale Multietnico La Tenda
Via Valtellina, 68
                                                                                  20159 MILANO
      
                                                                                       Milano, 26 marzo 2019
    


 

Siamo lieti di comunicare che il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus, nella seduta del 25 marzo 2019, ha deliberato di erogare a favore del Vostro Ente un contributo “una tantum” di € 30.000,00 per il progetto “La lingua italiana per l’inclusione”di cui alla Vostra domanda del 18 dicembre 2018 (ns. Prot. 97/18).

    

Il contributo è afferente alle voci di spesa “spese di docenza” e “completamento pasti alunni” indicate all’alinea b) del punto “J. Risorse Finanziarie” del documento di sintesi del progetto contenuto nella Vostra domanda del 18 dicembre 2018, che costituisce riferimento inscindibile della presente regolamentazione.

    

     L’erogazione è soggetta alle seguenti condizioni:

 

1.    La Fondazione provvederà all’erogazione:

 

a)    del 50% del contributo non prima dell’inizio del progetto ed entro gg 15 dall’acquisizione della seguente documentazione:

                                            i.       comunicazione di inizio progetto con indicazione della data di fine;

                                          ii.       dichiarazione di accettazione della regolamentazione contenuta nel presente documento;

b)   della somma rimanente a fine progetto, previa acquisizione di

                                            i.       una relazione che attesti il regolare svolgimento dell’attività, con descrizione dei contenuti, del numero dei beneficiari e di altri dati statistici rilevati a consuntivo del progetto;

                                          ii.       copia dei giustificativi di spesa intestati all’Ente beneficiario riferiti alla voce identificata nel secondo periodo del presente documento;

                                        iii.       attestazione da parte dell’Organo di Controllo che le spese documentate per la rendicontazione trovano riscontro nelle scritture contabili che formeranno il Bilancio d’esercizio.

 

Gli importi di cui sopra saranno erogati al netto di eventuali ritenute di acconto previste dal 2° comma dell’art. 28 del D.P.R. 600/1973.

 

2.    L’Ente beneficiario dichiara di aver preso visione e di conoscere il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo ai sensi del D.Lgs. n. 231/01 nonché il Codice Etico adottati dalla Fondazione, pubblicati sul sito internet www.fondazioneintesasanpaoloonlus.org, di condividerne i valori e di impegnarsi a conformare il proprio operato al rispetto delle leggi e dei principi in essi richiamati, per quanto a sé riferibili.

 

3.    L’Ente beneficiario si impegna a:

·         realizzare direttamente il progetto nei termini rappresentati nella domanda di contributo e a non affidare la realizzazione del progetto ad altri enti;

·         destinare le somme erogate dalla Fondazione esclusivamente per perseguire le finalità del progetto;

·         comunicare tempestivamente per iscritto alla Fondazione qualsiasi evento che possa

o   ostacolare e/o ritardare la realizzazione del progetto, per chiedere alla scrivente la proroga del termine ultimo del progetto (proroga che comunque non potrà superare i 6 mesi);

o   modificare la realizzazione del progetto, indicandone le motivazioni, per consentire alla scrivente di verificare che le modifiche siano compatibili con il progetto originario;

·         comunicare tempestivamente l’avvio del progetto nonché l’avvenuto completamento dello stesso;

·         fornire, a fronte di ciascuna erogazione, idonea quietanza firmata in originale dal legale rappresentante;

·         rendicontare e documentare entro 2 mesi dalla data di fine progetto quanto previsto dal precedente punto 1. b) utilizzando, eventualmente, il modulo di rendicontazione allegato;

·         esibire, non appena in possesso, il Bilancio d’esercizio contenente l’indicazione e/o la trattazione del progetto di cui trattasi.

 

4.    L’Ente beneficiario si attiverà per:

·         pubblicizzare il contributo riconosciuto dalla scrivente Fondazione per la realizzazione del progetto, anche mediante l’utilizzo per finalità divulgative del logo della Fondazione, concordando preventivamente le modalità di pubblicazione;

·         inviare alla scrivente alcune foto in formato elettronico ad identificazione del progetto con consenso scritto alla loro eventuale pubblicazione sul sito Internet della Fondazione o su altra pubblicazione edita dalla Fondazione stessa.

 

5.    La Fondazione potrà verificare, anche mediante terzi appositamente incaricati, lo stato di realizzazione del progetto e acquisire copia della documentazione pertinente; l’Ente beneficiario collaborerà al fine di agevolare dette attività.

 

6.    La Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus potrà risolvere di diritto il presente accordo ai sensi dell’art. 1456 c.c., revocando il contributo eventualmente già erogato, con diritto alla restituzione del medesimo, in caso di:

·         utilizzo dei fondi per scopi diversi dalla realizzazione del progetto descritto nella domanda di richiesta del contributo;

·         mancata rendicontazione nei termini e nei contenuti concordati, nonché mancata collaborazione dell’Ente ai sensi del precedente punto 5;

·         mancata realizzazione totale o parziale del progetto entro i termini concordati o difformità rilevanti nella realizzazione dello stesso rispetto a quanto previsto nella domanda di richiesta del contributo ed in eventuali successivi accordi intercorsi;

·         violazione degli impegni di cui al precedente punto 2 o comunque in caso di eventuali condotte illecite, rilevanti ai fini dell’applicazione del D. Lgs. 231/01, poste in essere da propri esponenti/dipendenti/collaboratori in esecuzione del presente progetto.

·         violazione degli impegni di cui al precedente punto 3.

 

La Fondazione nei casi di cui sopra potrà altresì valutare, in alternativa, di sospendere l’erogazione del contributo.

In caso di realizzazione parziale del progetto la Fondazione valuterà se ridurre proporzionalmente l’importo erogato o se pretendere la restituzione degli importi già ricevuti dall’Ente beneficiario.

 

7.    Nel caso in cui le spese effettivamente sostenute per la realizzazione del progetto risultino inferiori rispetto a quelle dichiarate nella domanda e/o previste nel piano economico presentato con detta domanda, il contributo potrà essere liquidato in misura ridotta.

 

8.                L’erogazione del contributo non conferisce il diritto di ottenere ulteriori contributi per il futuro.

 

Ogni comunicazione relativa al presente accordo dovrà essere inviata presso i seguenti indirizzi: per quanto concerne la Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus a Maria Grazia Giassi – Piazza Paolo Ferrari 10 – 20121 Milano - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.    - Tel. 02 87937918; per quanto riguarda l’Ente a Raffaele Taddeo – Via Valtellina, 68 – 20159 MILANO - email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Cell. 334 3320693.

 

In caso di concordanza su quanto precede e per quanto previsto dal precedente punto 1. a) ii, si prega di restituire – tramite lettera raccomandata – la ritrascrizione della presente (il cui testo in formato word Vi sarà trasmesso a breve via email) sottoscritta in originale dal legale rappresentante in segno di approvazione ed integrale accettazione, avendo cura di comunicare altresì l’IBAN relativo al c/c intestato all’Ente richiedente.

 

    Cordiali saluti.

 

                                                                                                       Il Presidente

                                                                                              Claudio Angelo Graziano

                                                                                           

 

domanda Fondazione Intesasanpaolo onlus

domanda ENTI Vs.08

Raccomandata A.R.

 

Spettabile

Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus

Piazza Ferrari 10

20121 MILANO

 

 

Oggetto: segnalazione di progetto finalizzato ad ottenere un contributo (terzo alinea – punto 1 – art. 3 dello Statuto)

 

Ente/Associazione richiedente (che realizza direttamente il progetto)

Denominazione .....Centro Culturale Multietnico La Tenda

Forma giuridica ..Associazione di volontariato iscritta nel registro regionale della Lombardia delle associazioni..

Ha ottenuto il riconoscimento della personalità giuridica       SI                  NO

Iscrizione all’anagrafe unica delle ONLUS                              SI                  NO

Indicare se Impresa Sociale                                                    SI                  NO

Indicare se Associazione Promozione Sociale                          X SI               NO

Indicare se Associazione Temporanea Impresa                       SI                  NO

Esercita abitualmente anche attività economica                    SI                  NO

Anno di costituzione 1994

Codice fiscale .97144760150

Indirizzo .....via Valtellina 68   cap 20159

Località .Milano

Tel. ….....................................  fax ..........................................   cell. …3343320693............................

Indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sito Internet .www.latenda.eu

n. soci 40        n. dip.ti …0..           n. collab. 3      n. volontari 30

 

·         (per le Onlus) numero del Settore di svolgimento attività a sensi dell’art. 10, comma 1, lettera a) del Dlgs 460/97 ........................................................................................................................................

·         (se organizzazioni di volontariato): indicare gli estremi di iscrizione nei registri regionali

dec.84 dell’11 genn. 1996, foglio 487 progressivo 1942   sezione C cultura.

·         (per le cooperative sociali): iscrizione nella “sezione cooperazione sociale” del registro prefettizio (Legge 381/1991) ………………………………………………………………….……………………….

Tipo A                       Tipo B

 

Legale rappresentante

Cognome ……Taddeo….         Nome …Raffaele

Cod fiscale …TDDRFL41H08F284I    Scadenza mandato APRILE 2019

 

 

 

 

 

 

 

DOCUMENTO DI SINTESI DEL PROGETTO

 

A.     Denominazione del progetto La lingua italiana per l’inclusione

(tale denominazione deve corrispondere a quella che viene indicata nel Bilancio Sociale / Nota Integrativa / Relazione di Missione o altro documento allegato al Bilancio d’esercizio)

 

B.     Tipologia ed estremi di approvazione del progetto (barrare ipotesi che ricorre)

¨  X Trattasi di un progetto specifico, deliberato dal Consiglio di Amministrazione del Centro La Tenda (segreteria)  

¨  Trattasi della normale attività dell’Ente prevista dallo Statuto

(la citazione del progetto di che trattasi dovrà essere riscontrata sul sito Internet, su altri documenti o su estratti di delibera)

 

C.      Descrizione sintetica del progetto obbligatoria (max 10 righe) che metta in evidenza le azioni concrete del progetto, anteponendo una parola o una frase “chiave” che permetta di classificare il progetto in categorie aventi caratteristiche similari (ad esempio, ippoterapia, casa famiglia, corsi di formazione, inclusione sociale, educazione all’autonomia, ecc.) - Per descrizioni più dettagliate, in aggiunta alla descrizione sintetica, è possibile allegare una relazione estesa.

*   Le zone dell'intervento sono in parte del Municipio 9 di Milano, uno dei territori ove la presenza di immigrati è la più alta della città raggiungendo il 35-36%, nella scuola tale fatto si risente anche in misura maggiore perché la percentuale degli studenti, a volte appena arrivati raggiunge quote che vanno dal 40 al 50%; poi  del comune di Cabbiate.

*   Aree di intervento: Scuola secondaria di primo grado Via Maffucci: gli studenti di origine non italiana sono una percentuale rilevante

*   L’Istituto di Istruzione Superiore Marelli ha sedi in via Livigno 11 e via Oderzo 3 ed è un Istituto professionale , che accoglie studenti da più parti di Milano.

*   Il comune di Cabbiate ove la presenza di cittadini stranieri da integrare è di rilevante significato. A tal fine l’insegnamento della lingua italiana è di enorme importanza.



 

D.     Responsabile di progetto

Cognome Pirola.   Nome Fiorella    tel. …………//………………… cell. 3474749563                                                                       Indirizzo di posta elettronica Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ente di appartenenza Centro Culturale Multietnico La Tenda

 

E.     Luogo di realizzazione del progetto        Milano, Cabbiate

 

F.      Terreni e/o fabbricati che utilizza l’ente richiedente (indicare a che titolo vengono impiegati: proprietà, comodato, ecc.)

…Scuole con le quali si è fatta o si farà una convenzione

 

G.     Se il progetto prevede anche la realizzazione di immobili, indicare:

-        chi sarà il proprietario dell’immobile ………………………………//……………………………

-        le regole per il successivo utilizzo o assegnazione delle strutture ……………………………………………//………………………………………………………..

-        se esistono già le autorizzazioni da parte delle autorità necessarie per realizzare l’opera …………………………………………………//…………………………………………………..

 

 

H.     Stato del progetto - Tempi di realizzazione

o   Durata         dal marzo/aprile 2019 al giugno 2020 (nei mesi scolastici)

o   Data inizio …marzo aprile 2019   

o   Data fine    maggio 2020

o   Ancora da iniziare

 

I.       Costi previsti del progetto (dettaglio) – non riportare spese generali dell’Ente (spese che l’ente avrebbe comunque sostenuto anche senza l’attivazione del presente progetto)

 

Costo previsto

Voce di spesa (es. costo del personale, ecc.)

2.880 e.

2019-Maffucci: 9 settimane x 4 h. settimana x 2 docenti

3.240 e.

2019-Marelli-Dudovich: 9 settimane x 3 h. settimana x 3 docenti

1.440 e.

 

2019- Intervento a Cabbiate: 9 settimane x4 h. settimana x 1 docente

7360 e.

2019/2020- Maffucci: 23 settimane x 4h. settimana x 2 docenti

8.280 e

2019/2020 – Marelli-Dudovich: 23 settimane x 3h. settimana x 3 docenti

3.680 e

Intervento a Cabbiate: 23 settimane x 4 h. settimana x 1 docente

1.120 e.

 

Amministratore

1.000 e.

Mediatore linguistico:

4.000 e.

Pasti studenti

Tot. 33.000 e.

 

 

 

J.       Risorse finanziarie

a)      Dettaglio enti che intervengono e somme garantite

 

Denominazione Ente

 

 

Nessun ente esterno

 

Solo La Tenda

Somma garantita

 

 

3000 euro

Funzione svolta da Ente (auto finanziamento, contributo, fund raising, patrocinio, consulenza, partnership, ATS, ecc.) 5per 1000

Natura del costo (es. costo del personale, ecc.)

 

Amministratore

Mediatore

Parte spesa pasti alunni

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

b)      Entità del contributo richiesto alla Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus indicando a quali voci di spesa del progetto del precedente punto I) fare riferimento

…si richiedono   30.000,00 euro per le spese di docenza e per il completamento pasti alunni

……………………………………………………………………………………………………..

 

K.     Enti/associazioni che collaborano alla realizzazione del progetto

o   Indicare la denominazione di tali enti, l’indirizzo e se i loro dipendenti partecipano al progetto a titolo oneroso

………………………………………//…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

o   Modalità di regolamentazione normativa ed economica con gli enti che collaborano al progetto (indicare accordi o contratti stipulati)

……………………………………//……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

L.      Convenzioni stipulate con enti pubblici / altre associazioni (per la realizzazione del progetto)

o   Elenco delle convenzioni/scopo delle convenzioni

…………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………

o   Modalità di regolamentazione normativa ed economica con gli enti convenzionati

…………………………………//………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

 

M.    Risorse umane coinvolte nel progetto, indicare per ogni ente di appartenenza:

·         il numero …60 alunni, 15 abitanti a Cabbiate

·         contratto di lavoro in essere (dipendenti, amministratori, collaboratori, volontari, ecc.)

·         mansioni svolte da tale personale

·         costo del personale coinvolto       40 euro/ora lorde

·         tempo di adibizione al progetto   672 ore

 

N.     Tipologia beneficiari (specificare se trattasi di “persone svantaggiate” a vario titolo e se tutti i beneficiari rispondono a tale requisito)

Si tratta di cittadini di recente immigrazione che conoscono poco l’italiano e rischiano di perdere anni scolastici a causa di questo. L’intervento serve a garantire in maniera più efficace l’apprendimento scolastico.

 

O.     Beneficiari del progetto (stima numero dei beneficiari)

60 studenti e relative famiglie che vivrebbero una vita più tranquilla. Il corso di italiano in Cabbiate porterebbe ad un inserimento più fecondo nella vita della comunità di cui ne beneficerebbero tutti i cittadini di detta comunità

Indicare in base a quale criterio i beneficiari usufruiscono delle prestazioni previste dal progetto (a richiesta degli interessati, avviati da Asl, ecc.)

Su segnalazione delle scuole d’appartenenza

P.      Numero ore / giorni di attività previsti dal progetto (stima)

672 ore circa   290 giorni circa

Q.     Eventuali oneri a carico dei beneficiari (indicare misura di rette / contributi richiesti ai beneficiari del progetto)

……………//……………………………………………………………………………………………

 

R.     Condizioni per la realizzazione del progetto

o   Segnalare se il progetto richiede autorizzazioni, concessioni, ecc. ……………no…………………

o   Indicare se il progetto prende avvio anche in caso di erogazione inferiore a quella richiesta

Difficile perché l’associazione è di puro volontariato e si regge essenzialmente sul 5 per mille e iscrizione alla associazione. Le spese per l’attività regolare è già di per sé elevata fra apertura della scuola di sera e pulizia aule

o   Altre condizioni (specificare)

......Approvazione degli organismi di gestione delle scuole ove l’attività si svolgerà..

 

S.       Documentazione obbligatoria che l’ente si impegna a produrre a conclusione del progetto

-        Relazione sull’attività svolta per il progetto

-        Copia del Bilancio di esercizio

-        Copia della Nota Integrativa o della Relazione di Missione o del Bilancio Sociale, nella quale sia menzionato il progetto con la relativa contabilità

-        Copia dei giustificativi di spesa intestati all’Ente richiedente, con certificazione da parte dei Revisori della corrispondenza dei documenti inoltrati con le scritture contabili dell’Ente stesso

-        ……………………………………………………………………………………………………

 

T.      Dichiarazioni del legale rappresentante

Il legale rappresentante dichiara:

    • con riferimento alla distribuzione utili (barrare ipotesi che ricorre)
¨  No lo Statuto dell’Ente non prevede la distribuzione di utili di esercizio ai soci;

¨  No lo Statuto dell’Ente prevede la distribuzione di utili di esercizio ai soci

¨  tale evenienza non si è verificata negli ultimi 3 anni

¨  si è verificata negli ultimi 3 anni

¨  no le somme eventualmente ricevute per finanziare il progetto non sono destinate a produrre utili

¨  no le somme eventualmente ricevute per finanziare il progetto sono destinate a produrre utili.

§  che il progetto o quota parte di esso viene realizzato direttamente dall’ente richiedente con inclusione dei costi nel proprio bilancio;

§  l’ente non svolge attività di fund raising a favore di altri enti per il progetto di cui trattasi

§  che il progetto si colloca nell’ambito del settore di attività dell’Ente richiedente ed è di utilità sociale

§  che il contributo richiesto alla Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus è esente dalla ritenuta prevista dall’art. 28 del D.P.R. 600/73:                          X SI                NO

 

Firma del legale rappresentate

           Ente richiedente

 

 

Luogo Milano..   data 18-12-2018

 

All.

Copia documento di identità del legale rappresentante

 

* * *

La Fondazione Intesa Sanpaolo Onlus acquisisce tale richiesta per stabilire se rientra tra le proprie linee e ambiti di intervento.

Qualora la presente segnalazione rientrasse nelle ipotesi sopra esplicitate la Fondazione provvederà ad esaminare la richiesta e a richiedere la documentazione necessaria.

Trascorsi 6 mesi dalla data di inoltro della domanda senza che sia pervenuta all’Ente alcuna richiesta di approfondimento/documenti, la stessa sarà da ritenere non accolta.                         

* * *

Il format della presente domanda NON E’ MODIFICABILE, deve essere compilato in tutte le sue parti e deve pervenire datato e firmato in originale dal legale rappresentante dell’Ente richiedente.

autorizzazione città metropolitana 2018-19

IL DIRETTORE DEL SETTORE GESTIONE AMMINISTRATIVA PATRIMONIO E PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA

Richiamata:

- la legge 23/1996: Norme per l'edilizia scolastica - il cui obiettivo “è assicurare alle strutture scolastiche uno sviluppoqualitativo e una collocazione sul territorio, adeguati alla costante evoluzione delle dinamiche formative, culturali,economiche e sociali;” La programmazione degli interventi deve garantire, tra l'altro, la piena utilizzazione dellestrutture scolastiche da parte della collettività;

- l'art. 139 del D.Lvo 112/98 che ha attribuito alle Provincie, tra l'altro, i compiti e le funzioni relative al piano diutilizzazione degli edifici e di uso delle attrezzature, d'intesa con le istituzioni scolastiche;

-l'art. 1, comma 16, della legge n. 56/2014 che ha previsto, a partire dall'1/01/2015, il subentro della CittàMetropolitana di Milano alla Provincia di Milano, succedendo ad essa in tutti i rapporti attivi e passivi ed esercitandonele funzioni;

Vista la deliberazione consiliare Rep. Gen. 64 del 13/12/2017 che approva il “Regolamento relativo all'uso ed allagestione di Locali ed Impianti Sportivi presso gli Istituti Scolastici della Città Metropolitana di Milano” disciplinandoneprincipi, criteri e modalità di utilizzo;

Rammentato che rientra nelle competenze dello scrivente Settore il rilascio delle autorizzazioni per l'utilizzo degli spazipresso gli istituti scolastici della Città Metropolitana;

Vista la comunicazione, protocollo atti n. 156347\10.5\2018\2 del 02/07/2018, con cui il Legale Rappresentante Sig.Raffaele Taddeo del Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano C.F. 97144760150 con sede in via Valtellina, 68Milano, chiede l'utilizzo di n. 12 aule dell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano, sito in via Livigno, 11 per lo svolgimento dicorsi gratuiti di italiano agli stranieri per l'a.s. 2018/2019 per il periodo dal 03/09/2018 al 12/06/2019;

Dato atto che a corredo della richiesta è stata acquisita:

- la dichiarazione di assunzione di responsabilità in relazione all'utilizzo dei locali, debitamente sottoscritta dalRappresentante legale e corredata da copia del documento di identità;

- la copia dello Statuto dell'Associazione;

- la polizza per Responsabilità Civile verso Terzi (R.c.t.);

Visto il parere favorevole all'utilizzo in oggetto rilasciato in data 26/04/2018 dal Consiglio d'Istituto ;

Ritenuto che sussistono le condizioni per il rilascio della presente autorizzazione, nei termini e con le modalità sottospecificate;

Dato atto che per l'anno scolastico 2018/2019 il Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano, ha fatto richiesta di

Area Edilizia istituzionale, patrimonio, servizi generali e programmazione rete scolastica metropolitana

Settore Gestione amministrativa patrimonio e programmazione rete scolastica

Autorizzazione Dirigenziale

Raccolta Generale n° 5958 del 13/08/2018

Prot. n 193907 del 13/08/2018

Fasc. n 10.5/2018/2

Oggetto:

Autorizzazione al Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano per utilizzo annuale di n. 12 auledell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano per l'a.s. 2018/2019 - inizio attività 03/09/2018. Iniziativa a titologratuito

utilizzo gratuito degli spazi scolastici per lo svolgimento della propria attività, di valenza sociale senza perseguire scopidi lucro;

Considerato che con Decreto del Sindaco Metropolitano Rep. Gen. n. 200/2018 del 06/08/2018, è stata approvata, aseguito di apposita richiesta della Società così come previsto dall'articolo 21 c.1. del Regolamento di Città Metropolitanadi Milano, l'assegnazione a titolo gratuito dei locali;

Dato atto che il presente provvedimento verrà trasmesso all'Associazione richiedente e all'Istituto interessato;

Richiamate:

- la deliberazione del Consiglio metropolitano Rep. Gen. n. 30/2018 del 05/07/2018 prot. 150925/2018 del 26/06/2018 ,avente ad oggetto "Approvazione in via definitiva del Documento unico di programmazione (Dup) per il triennio 2018-2020 - ai sensi dell’art. 170 dlgs 267/2000 (Testo Unico Enti Locali).";

- la deliberazione del Consiglio metropolitano Rep. Gen. n. 31/2018 del 05/07/2018 prot. 151388/2018 del 26/06/2018fasc. 5.3/2018/7, avente ad oggetto "Approvazione in via definitiva del Bilancio di previsione 2018-2020 e relativiallegati.";

Richiamato altresì, il Decreto del Sindaco Metropolitano Rep. Gen. 172/2018 del 18 Luglio 2018 atti n.172858/5.4/2018/1, con il quale è stato approvato il Piano esecutivo di gestione (Peg) 2018/2020 - obiettivi n. 9536 e n.15549;

Visto il decreto del Sindaco Metropolitano RG n. 15/2018 del 18 /01/2018 con il quale sono autorizzati i Dirigenti adassumere atti di impegno durante l'esercizio provvisorio e fino all'approvazione del Piano esecutivo di gestione (PEG)2018;

Visto, inoltre, il decreto del Sindaco Metropolitano R.G. 282/2016 del 16/11/2016 avente ad oggetto "conferimentoincarichi dirigenziali ai Dirigenti a tempo indeterminato della Città Metropolitana di Milano", con il quale è statoconfermato l'incarico di Direttore del Settore Gestione Amministrativa e Programmazione rete scolastica al Dr. ClaudioMartino;

Richiamata la Legge n. 190/2012 "Disposizioni per la prevenzione la repressione della corruzione e dell'illegalità nellapubblica amministrazione" e dato atto che sono stati assolti i relativi adempimenti, cosi' come recepiti nel Pianoanticorruzione e trasparenza della Città Metropolitana;

Considerato che il presente procedimento , con riferimento all'Area funzionale di appartenenza, è classificato all'art. 5del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione vigente a rischio medio e che sono stati effettuati i controlli previstidal Regolamento Sistemi controlli interni;

Dato atto, altresì, che risulta rispettato il termine di conclusione del procedimento, in relazione a quanto previstodall'art. 2 della Legge 241/90, testo vigente, nonché dagli artt. 14 e 15 del Regolamento sui procedimenti amministrativie sul diritto di accesso ai documenti amministrativi e dall'allegata tabella A;

Visti:

- il vigente Regolamento sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso ai documenti amministrativi dell' Ente;

- il D.Lgs. n° 267/2000: "Testo unico delle leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali", in tema di funzioni e responsabilitàdella dirigenza;

- la L.56/2014 "Disposizioni sulle Città' Metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni";

- gli artt. 49 e 51 dello Statuto della Città Metropolitana;

- gli artt. 43 e 44 del Testo unificato del Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi dell'Ente approvato condeliberazione Rep. n. 35/2016 del 23/05/2016 del Consiglio metropolitano;

- il D.Lgs. n° 33/2013: "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione diinformazioni da parte delle pubbliche amministrazioni";

- la Deliberazione della Giunta Provinciale R.G. 172/2013 del 28/05/2013 "Modalità di esercizio del controllo successivodi regolarità amministrativa sui provvedimenti dirigenziali";

- il comma 5 dell'art. 11 del "Regolamento sul sistema dei controlli interni della Provincia di Milano" adottato conDeliberazione del Consiglio Provinciale R.G. 15/2013 del 28/02/2013 cosi' come modificato con Delibera del Consigliometropolitano n. 5/2017 del 18/01/2017 avente per oggetto: " Approvazione delle integrazioni e delle modifiche alRegolamento sul sistema dei controlli interni" ;

- la direttiva n° 4/2013 del 18 giugno 2013 "Controllo successivo di regolarità amministrativa sugli atti dirigenziali.Articolazione procedimentale e prime istruzioni per corretto utilizzo check list";

- il Codice Etico in attuazione presso l'Ente, come modificato dalla Deliberazione di Giunta Provinciale n. R.G. 780/2006del 30/10/2006;

- il Codice di comportamento approvato con Decreto del Sindaco metropolitano n. 261/2016 del 26/10/2016, aggiornatocon l'art. 59 del CCNL 21/05/2018 Funzioni locali;

- Il Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza della Città Metropolitana di Milano 2018-2020 (inbreve PTPCT 2018-2020), approvato con Decreto del Sindaco metropolitano Rep. Gen. 13/2018 del 18/01/2018 ;

Si richiama il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo allaprotezione dei dati che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati), richiamato altresìil D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e s.m.i. "Codice di protezione dei dati personali" per le parti non in contrasto con ilRegolamento europeo sopra citato";

Dato atto che si attesta l'osservanza di astensione in conformità a quanto previsto dagli artt. 5 e 6 del codice dicomportamento della Provincia di Milano;

Dato atto, altresì, che il Responsabile del Procedimento è il dott. Claudio Martino e il Responsabile dell'Istruttoria e'l'Arch. Maria Irene Russo;

AUTORIZZA

il Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano C.F. 97144760150 con sede in via Valtellina, 68 Milano, ad utilizzaren. 12 aule dell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano per lo svolgimento di corsi gratuiti di italiano agli stranieri per il periododal 03/09/2018 al 12/06/2019 nei giorni e orari di seguito indicati:

lunedì dalle ore 19.00 alle ore 21.00

mercoledì dalle ore 19.00 alle ore 21.00

fatte salve le eventuali esigenze scolastiche che potrebbero sopravvenire in coincidenza con gli stessi e fatto salvo ilcalendario scolastico di sospensione delle attività didattiche, rientrante nella autonomia di ciascun Istituto scolastico;

La presente autorizzazione è subordinata, pena la revoca, all'osservanza di quanto previsto nella dichiarazione diassunzione di responsabilità acquisita agli atti d'ufficio;

la presente autorizzazioni è a titolo gratuito in quanto ricorrono i requisiti previsti dall'articolo 21 del sopra citatoRegolamento

L'onere delle pulizie e del servizio di vigilanza sul corretto utilizzo dei locali è a carico dell'utente;

Contro il presente provvedimento è possibile presentare, ai sensi dell'art. 41 del D.Lgs n. 104/2010 ricorsogiurisdizionale al T.A.R e , in alternativa, ai sensi degli artt. 8 e segg. del D.P.R. 1199/1971 ricorso straordinario al Capodello Stato, rispettivamente entro 60 gg. e 120 gg. dall'avvenuta conoscenza del medesimo;

Il presente provvedimento non rientra in alcuna fra le fattispecie soggette a pubblicazione ai sensi del D. Lgs. n.33/2013 nella sezione "Amministrazione trasparente";

Il presente provvedimento è inviato al Responsabile del Servizio Archivio e Protocollo per la pubblicazione all'AlboPretorio On Line nei termini di legge.

Il Direttore del Settore

Gestione amministrativa patrimonio e

Programmazione rete scolastica

Dr. Claudio Martino

Bilancio

delibera città metropolitana

IL DIRETTORE DEL SETTORE GESTIONE AMMINISTRATIVA PATRIMONIO E PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA

Richiamata:

- la legge 23/1996: Norme per l'edilizia scolastica - il cui obiettivo “è assicurare alle strutture scolastiche uno sviluppoqualitativo e una collocazione sul territorio, adeguati alla costante evoluzione delle dinamiche formative, culturali,economiche e sociali;” La programmazione degli interventi deve garantire, tra l'altro, la piena utilizzazione dellestrutture scolastiche da parte della collettività;

- l'art. 139 del D.Lvo 112/98 che ha attribuito alle Provincie, tra l'altro, i compiti e le funzioni relative al piano diutilizzazione degli edifici e di uso delle attrezzature, d'intesa con le istituzioni scolastiche;

-l'art. 1, comma 16, della legge n. 56/2014 che ha previsto, a partire dall'1/01/2015, il subentro della CittàMetropolitana di Milano alla Provincia di Milano, succedendo ad essa in tutti i rapporti attivi e passivi ed esercitandonele funzioni;

Vista la deliberazione consiliare Rep. Gen. 64 del 13/12/2017 che approva il “Regolamento relativo all'uso ed allagestione di Locali ed Impianti Sportivi presso gli Istituti Scolastici della Città Metropolitana di Milano” disciplinandoneprincipi, criteri e modalità di utilizzo;

Rammentato che rientra nelle competenze dello scrivente Settore il rilascio delle autorizzazioni per l'utilizzo degli spazipresso gli istituti scolastici della Città Metropolitana;

Vista la comunicazione, protocollo atti n. 156347\10.5\2018\2 del 02/07/2018, con cui il Legale Rappresentante Sig.Raffaele Taddeo del Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano C.F. 97144760150 con sede in via Valtellina, 68Milano, chiede l'utilizzo di n. 12 aule dell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano, sito in via Livigno, 11 per lo svolgimento dicorsi gratuiti di italiano agli stranieri per l'a.s. 2018/2019 per il periodo dal 03/09/2018 al 12/06/2019;

Dato atto che a corredo della richiesta è stata acquisita:

- la dichiarazione di assunzione di responsabilità in relazione all'utilizzo dei locali, debitamente sottoscritta dalRappresentante legale e corredata da copia del documento di identità;

- la copia dello Statuto dell'Associazione;

- la polizza per Responsabilità Civile verso Terzi (R.c.t.);

Visto il parere favorevole all'utilizzo in oggetto rilasciato in data 26/04/2018 dal Consiglio d'Istituto ;

Ritenuto che sussistono le condizioni per il rilascio della presente autorizzazione, nei termini e con le modalità sottospecificate;

Dato atto che per l'anno scolastico 2018/2019 il Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano, ha fatto richiesta di

Area Edilizia istituzionale, patrimonio, servizi generali e programmazione rete scolastica metropolitana

Settore Gestione amministrativa patrimonio e programmazione rete scolastica

Autorizzazione Dirigenziale

Raccolta Generale n° 5958 del 13/08/2018

Prot. n 193907 del 13/08/2018

Fasc. n 10.5/2018/2

Oggetto:

Autorizzazione al Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano per utilizzo annuale di n. 12 auledell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano per l'a.s. 2018/2019 - inizio attività 03/09/2018. Iniziativa a titologratuito

utilizzo gratuito degli spazi scolastici per lo svolgimento della propria attività, di valenza sociale senza perseguire scopidi lucro;

Considerato che con Decreto del Sindaco Metropolitano Rep. Gen. n. 200/2018 del 06/08/2018, è stata approvata, aseguito di apposita richiesta della Società così come previsto dall'articolo 21 c.1. del Regolamento di Città Metropolitanadi Milano, l'assegnazione a titolo gratuito dei locali;

Dato atto che il presente provvedimento verrà trasmesso all'Associazione richiedente e all'Istituto interessato;

Richiamate:

- la deliberazione del Consiglio metropolitano Rep. Gen. n. 30/2018 del 05/07/2018 prot. 150925/2018 del 26/06/2018 ,avente ad oggetto "Approvazione in via definitiva del Documento unico di programmazione (Dup) per il triennio 2018-2020 - ai sensi dell’art. 170 dlgs 267/2000 (Testo Unico Enti Locali).";

- la deliberazione del Consiglio metropolitano Rep. Gen. n. 31/2018 del 05/07/2018 prot. 151388/2018 del 26/06/2018fasc. 5.3/2018/7, avente ad oggetto "Approvazione in via definitiva del Bilancio di previsione 2018-2020 e relativiallegati.";

Richiamato altresì, il Decreto del Sindaco Metropolitano Rep. Gen. 172/2018 del 18 Luglio 2018 atti n.172858/5.4/2018/1, con il quale è stato approvato il Piano esecutivo di gestione (Peg) 2018/2020 - obiettivi n. 9536 e n.15549;

Visto il decreto del Sindaco Metropolitano RG n. 15/2018 del 18 /01/2018 con il quale sono autorizzati i Dirigenti adassumere atti di impegno durante l'esercizio provvisorio e fino all'approvazione del Piano esecutivo di gestione (PEG)2018;

Visto, inoltre, il decreto del Sindaco Metropolitano R.G. 282/2016 del 16/11/2016 avente ad oggetto "conferimentoincarichi dirigenziali ai Dirigenti a tempo indeterminato della Città Metropolitana di Milano", con il quale è statoconfermato l'incarico di Direttore del Settore Gestione Amministrativa e Programmazione rete scolastica al Dr. ClaudioMartino;

Richiamata la Legge n. 190/2012 "Disposizioni per la prevenzione la repressione della corruzione e dell'illegalità nellapubblica amministrazione" e dato atto che sono stati assolti i relativi adempimenti, cosi' come recepiti nel Pianoanticorruzione e trasparenza della Città Metropolitana;

Considerato che il presente procedimento , con riferimento all'Area funzionale di appartenenza, è classificato all'art. 5del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione vigente a rischio medio e che sono stati effettuati i controlli previstidal Regolamento Sistemi controlli interni;

Dato atto, altresì, che risulta rispettato il termine di conclusione del procedimento, in relazione a quanto previstodall'art. 2 della Legge 241/90, testo vigente, nonché dagli artt. 14 e 15 del Regolamento sui procedimenti amministrativie sul diritto di accesso ai documenti amministrativi e dall'allegata tabella A;

Visti:

- il vigente Regolamento sul procedimento amministrativo e sul diritto di accesso ai documenti amministrativi dell' Ente;

- il D.Lgs. n° 267/2000: "Testo unico delle leggi sull'Ordinamento degli Enti Locali", in tema di funzioni e responsabilitàdella dirigenza;

- la L.56/2014 "Disposizioni sulle Città' Metropolitane, sulle province, sulle unioni e fusioni di comuni";

- gli artt. 49 e 51 dello Statuto della Città Metropolitana;

- gli artt. 43 e 44 del Testo unificato del Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei servizi dell'Ente approvato condeliberazione Rep. n. 35/2016 del 23/05/2016 del Consiglio metropolitano;

- il D.Lgs. n° 33/2013: "Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione diinformazioni da parte delle pubbliche amministrazioni";

- la Deliberazione della Giunta Provinciale R.G. 172/2013 del 28/05/2013 "Modalità di esercizio del controllo successivodi regolarità amministrativa sui provvedimenti dirigenziali";

- il comma 5 dell'art. 11 del "Regolamento sul sistema dei controlli interni della Provincia di Milano" adottato conDeliberazione del Consiglio Provinciale R.G. 15/2013 del 28/02/2013 cosi' come modificato con Delibera del Consigliometropolitano n. 5/2017 del 18/01/2017 avente per oggetto: " Approvazione delle integrazioni e delle modifiche alRegolamento sul sistema dei controlli interni" ;

- la direttiva n° 4/2013 del 18 giugno 2013 "Controllo successivo di regolarità amministrativa sugli atti dirigenziali.Articolazione procedimentale e prime istruzioni per corretto utilizzo check list";

- il Codice Etico in attuazione presso l'Ente, come modificato dalla Deliberazione di Giunta Provinciale n. R.G. 780/2006del 30/10/2006;

- il Codice di comportamento approvato con Decreto del Sindaco metropolitano n. 261/2016 del 26/10/2016, aggiornatocon l'art. 59 del CCNL 21/05/2018 Funzioni locali;

- Il Piano triennale di prevenzione della corruzione e della trasparenza della Città Metropolitana di Milano 2018-2020 (inbreve PTPCT 2018-2020), approvato con Decreto del Sindaco metropolitano Rep. Gen. 13/2018 del 18/01/2018 ;

Si richiama il Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo allaprotezione dei dati che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati), richiamato altresìil D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 e s.m.i. "Codice di protezione dei dati personali" per le parti non in contrasto con ilRegolamento europeo sopra citato";

Dato atto che si attesta l'osservanza di astensione in conformità a quanto previsto dagli artt. 5 e 6 del codice dicomportamento della Provincia di Milano;

Dato atto, altresì, che il Responsabile del Procedimento è il dott. Claudio Martino e il Responsabile dell'Istruttoria e'l'Arch. Maria Irene Russo;

AUTORIZZA

il Centro Culturale Multietnico La Tenda - Milano C.F. 97144760150 con sede in via Valtellina, 68 Milano, ad utilizzaren. 12 aule dell'I.I.S. Marelli-Dudovich di Milano per lo svolgimento di corsi gratuiti di italiano agli stranieri per il periododal 03/09/2018 al 12/06/2019 nei giorni e orari di seguito indicati:

lunedì dalle ore 19.00 alle ore 21.00

mercoledì dalle ore 19.00 alle ore 21.00

fatte salve le eventuali esigenze scolastiche che potrebbero sopravvenire in coincidenza con gli stessi e fatto salvo ilcalendario scolastico di sospensione delle attività didattiche, rientrante nella autonomia di ciascun Istituto scolastico;

La presente autorizzazione è subordinata, pena la revoca, all'osservanza di quanto previsto nella dichiarazione diassunzione di responsabilità acquisita agli atti d'ufficio;

la presente autorizzazioni è a titolo gratuito in quanto ricorrono i requisiti previsti dall'articolo 21 del sopra citatoRegolamento

L'onere delle pulizie e del servizio di vigilanza sul corretto utilizzo dei locali è a carico dell'utente;

Contro il presente provvedimento è possibile presentare, ai sensi dell'art. 41 del D.Lgs n. 104/2010 ricorsogiurisdizionale al T.A.R e , in alternativa, ai sensi degli artt. 8 e segg. del D.P.R. 1199/1971 ricorso straordinario al Capodello Stato, rispettivamente entro 60 gg. e 120 gg. dall'avvenuta conoscenza del medesimo;

Il presente provvedimento non rientra in alcuna fra le fattispecie soggette a pubblicazione ai sensi del D. Lgs. n.33/2013 nella sezione "Amministrazione trasparente";

Il presente provvedimento è inviato al Responsabile del Servizio Archivio e Protocollo per la pubblicazione all'AlboPretorio On Line nei termini di legge.

Il Direttore del Settore

Gestione amministrativa patrimonio e

Programmazione rete scolastica

Dr. Claudio Martino

Sottocategorie

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information