Articoli

verrà la vita

Barbara e Stefania, studentesse universitarie, stringono una forte amicizia, di quelle che solo le ragazze possono avere e che le porta a conoscersi profondamente. Barbara, segnata da vicende famigliari traumatiche, è più fragile ma, proprio grazie all'affetto e al sostegno di Stefania, per un po' resiste. Sviluppato su ritmi onirici e introspettivi, il tessuto narrativo di questo toccante romanzo "grida" un profondo attaccamento alla vita.
Il romanzo si struttura mediante una tripartizione della storia: a) conoscenza fra le due amiche e rivelazione delle loro rispettive vite passate; b) tentativo di suicidio di Barbara e prima fase di ricostruzione; c) caduta nell'anoressia di Barbara e viaggio ricostruttivo.
Un epilogo chiude l'infelice storia di Barbara.
E' un romanzo condotto narrativamente su base psicanalitica tant'è che la terza parte propone una delle classiche modalità di questa disciplina attraverso cui si tenta di recuperare un'anoressica. Anche l'uso dei sogni, così insistenti, può iscriversi nella stessa linea di modalità narrativa. Il romanzo apparirebbe troppo scontato se non fosse per un secondo livello di lettura, certamente più intenso.
Infatti è possibile leggere nella vicenda di Stefania e Barbara la storia di una amicizia così intensa da essere quasi simbiotica e capace di generare equivoci. E' la storia di un intenso rapporto fra due ragazze che cercano di scoprire i loro interessi, l'amore per la vita, il gusto del rapporto con la realtà e le piccole cose. E' una amicizia, quella di Barbara e Stefania, che raggiunge una tale intensità da diventare strumento di redenzione, almeno per Barbara.
I personaggi del romanzo sono sostanzialmente tre (Stefania, Barbara, Tomaso), più due figure di contorno: la madre e il padre di Barbara.
Ciò che appare evidente è la negatività presente nei personaggi maschili. Tomaso, neuropsichiatria, colto, conoscitore di tutti gli elementi biochimici che muovono l'organismo umano, si dimostra alla fine geloso, limitato, piccino.
Il padre di Barbara, anch'egli professionista, e quindi di cultura elevata, è incapace di assumere le responsabilità di padre, diventando anzi una delle cause dello squilibrio della figlia per i suoi tentativi incestuosi.
Emerge un romanzo tutto, o quasi tutto al femminile, se non fosse per una fugace apparizione di un amico di Stefania che le insegna a saper vedere come respirano i fiori e quindi la vita all'interno della natura.
La storia è strutturata mediante un io narrante che si rivolge costantemente con un tu all'amica di cui riporta i discorsi diretti. Gli altri interlocutori quasi non esistono.
Le frasi sono strutturate con periodi semplici fatte per lo più di frasi principali con coordinazioni. Questa organizzazione linguistica giova a tenere avvinto il lettore sulla vicenda, sulle cose narrate e dette piuttosto che sulla forma linguistica.

Marzo 2004

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information