Articoli

lateja spanjolli

 

E’ il terzo romanzo di Artur Spanjolli pubblicato dalla casa editrice Besa. Come nel primo romanzo si organizza un saga familiare a partire da un punto focalizzante che questa volta è un luogo ( una sorta di monastero di dervisci) e dalla figura di un saggio derviscio.
Il monastero (la teqja) era stato distrutto dal governo comunista albanese.
L’avvio narrativo è dato dal rinvenimento di un diario appartenuto a Hysen Cialliku. e sfuggito quasi miracolosamente a un incendio, distruzioni e alle successive intemperie atmosferiche. Si tratta di circa 30 pagine che i discendenti della famiglia Cialliku decifrano e leggono ogni sera per coglierne elementi di consolazione spirituale.
E’ a partire da questa lettura che si snodano i racconti, gli avvenimenti miracolistici attribuibili a Hysen Cialliku che toccano, in un arco di tempo lungo un secolo, quasi tutti i membri della famiglia.
Viene così alla luce il conflitto fra i Cialliku e il signorotto locale Seit Beu, che sarà poi il responsabile dell’incendio della ricca biblioteca posseduta da Hysen.
Il romanzo di Spanjolli si colloca su un piano fortemente etico-religioso, in cui viene esplicitata la lotta fra male e bene, lotta che non sempre vincente e riesce a sopraffare le forze del male. Nella realtà il male convive con il bene e l’esito della lotta fra questi due poli è ben diverso da quello che ci si potrebbe aspettare. Dal groviglio di pessimismo emerge qualcosa che dà speranza a una possibile ripresa e consolida la fiducia nella forza del bene.
Se l’aspetto etico è desumibile da questa lotta non dichiarata, ma trasparente nei fatti, negli avvenimenti, il romanzo per alcuni versi tende a trasformarsi in una sorta di agiografia, in cui la biografia del santo è data dalle pagine del diario ritrovato e gli atti miracolistici sono testimoniati dai ricordi dei vari esponenti della famiglia.
Alla base della struttura religiosa del testo, però, vi è una forte tensione verso la tolleranza e l’apertura nei confronti di altre fedi religiose oltre a quella musulmana che è propria dei Cialliku. Il senso di tolleranza è testimoniato dalla qualità dei libri che compongono la biblioteca, dalle letture che Hysen fa, dai ragionamenti espressi nelle pagine del diario ritrovato.
Il saggio Hysen è fortemente ancorato alla terra e alla forza dei sentimenti. Si adira, cede alle passioni della carne. E’ un santo che vive della concretezza degli uomini. Ma è anche un santo che assomiglia a quelli cristiani. La gente si rivolge a lui nelle preghiere per ricevere aiuto nelle difficoltà.
E’ il tipico santo cristiano che intercede: la religiosità è simile da tutte le parti e in tutte le religioni.

 

22-01-2007

 

 

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information